Spartito colorato

Spartito colorato

sabato 13 settembre 2014

La scatola del paradiso

Ho una scatola. La ho chiamata "paradiso". Sto raccogliendo tutte le proposte per un vivere umano migliore e le sto mettendo in questa scatola. Dentro ci sono esperienze personali di estasi e di felicità ma anche esperienze di organizzazione collettiva come interi sistemi sociali. Modelli economici, politici, liberismo e comunismo. Modelli da superare. Ci saranno anche la democrazia e la teocrazia. Ma soprattutto esperienze di piccole comunità auto organizzate che possono essere progetti pilota da estendere. L'idea non è di selezionare la migliore da imporre poi a tutto il pianeta con la coercizione ma di avere un laboratorio sempre attivo con più modelli da sperimentare. Le persone potranno liberamente aderire ad un modello o ad un altro. Questi laboratori aumenteranno di numero e di importanza fino a diventare grandi come piccoli stati. Per dare una spallata al vecchio modello ci sarà una crisi. Piu breve possibile ma globale. Dopodiché fioriranno le nuove idee e regnera il paradiso.




5 commenti:

  1. - Aspirare a superare ogni forma di violenza
    - Lavorare per porre fine alle guerre e ai conflitti armati in tutto il mondo
    - Lottare per l’abolizione delle armi nucleari
    - Volere ottenere il disarmo proporzionale e progressivo delle armi convenzionali, il ritiro delle truppe d’invasione dai territori occupati e la rinuncia da parte dei governi a utilizzare la guerra come strumento per risolvere conflitti.
    - Creare vincoli tra i movimenti antibellici del mondo, per connettere tra loro i valori del pacifismo e della nonviolenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che dici è ottimo e prezioso. Sicuramente nella scatola del paradiso entra a pieno titolo.

      Elimina
  2. Io quella scatola la brucierei e proverei a vivere senza utopie e sopratutto senza proiezione di idee. Le idee, sono sempre qualcosa di meccanico e di limitato che cerchiamo di sovraporre alla realtà. Ci mettiamo a "cercare il paradiso" perchè non sappiamo come rapportarci alla nostra vita quotidiana, alle sue e nostre "imperfezioni". Lo so la tentazione è forte in un epoca di spaventosi conflitti come la nostra dove si è perso completamente il senso della vita. Tuttavia è chiaro che il pensiero come strumento di relazione sociale ha fallito completamente e che ogni tentativo di trovare una soluzione basata su idee è destinata a fallire come tutte le altre provate precedentemente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è alcuna idea ne fuga dal presente in quello che dico. Quello che scrivo viene da una dimensione che tu probabilmente non vedi.

      Elimina
    2. Non c'è alcuna idea ne fuga dal presente in quello che dico. Quello che scrivo viene da una dimensione che tu probabilmente non vedi.

      Elimina