Spartito colorato

Spartito colorato

giovedì 26 aprile 2018

Diversamente atei

E il maestro disse nel silenzio: Sul sentiero della nostra felicità troveremo il sapere per il quale abbiamo scelto questa vita. Così io ho imparato oggi, e decido di lasciarvi ora per percorrere il vostro stesso sentiero, come a voi piace.



E andò per la sua strada tra le folle e le abbandonò, e tornò nel mondo quotidiano degli uomini, scrivendo degli appunti e facendo un lavoro part time, con qualche valenza etica o sostenibile, in una azienda un poco strutturata ma non molto grande...










venerdì 20 aprile 2018

Post per vedere se il mio orario è sincronizzato con il server

Qui a Roma sono le 08:11 del 21 aprile 2018. Sto facendo gli esercizi mattutini.




sabato 14 aprile 2018

Non c'è bisogno di miracoli

In via del tutto eccezionale contro l'impostazione originale del blog che non prevedeva i video, e grazie al miglioramento della comprensione scientifica, una scena del mitico Troisi.

https://m.youtube.com/watch?v=IVm_XmOrzag








venerdì 6 aprile 2018

L'amore appena accennato

E se in qualche modo, non dispiacendo a lui, si può parlare per rallegrare il corpo, lo si faccia, con più onestà e più cortesia che si può. In modo che i nobili e i gentili, e qualche povero, possano essere da esempio sugli altri, poiché il loro parlare è più gradito poiché esce da uno strumento delicato. Ricordiamoci di quanti bei fiori di parole, di belle cortesie, e di bei doni e di belli amori ci sono gia stati e immaginiamo quanti ne verranno in seguito. E chi avrà cuore nobile e intelligenza sottile, potrà prendere a modello, per il futuro, per piacere e per didattica, per coloro che non sanno e desiderano sapere o che già sanno ma non sanno di sapere. E se i fiori che proporremo fossero mischiati in mezzo ad altre parole più dure non vi dispiaccia, perché il nero è l'ornamento dell'oro e per un frutto nobile e delicato piace a volte tutto l'orto, e per pochi bei fiori tutto il giardino. Non vi dispiacete se in molto tempo o in una intera vita avete appena percepito un po di bellezza perché solo poca ve ne arriverà. Ma che ne è di tanti piaceri, brame e desideri in confronto ad un lieve soffio del vento? Un lampo che d'un tratto rende così piccoli i vostri interessi? I fiori nascono nella neve e nel deserto. I periodi di sofferenza e quelli oblio sono molto interessanti. Così le situazioni di emergenza di disequilibrio e di morte sono i migliori momenti per praticare le virtù. Come è bello e come è facile camminare su un prato fiorito! Ma io amo ancora di più le persone che per coraggio o per necessità camminano in salita. Controvento e contro la grandine. Le persone che guardano in faccia anche i pericoli e le cose spiacevoli. Anche la morte. Con moderazione, senza strappi e gradualmente. Oppure tutto insieme se si è obbligati dalle circostanze. Persone che vivono con pochissimo. E che danno moltissimo. È bello vivere nella polvere e continuare a dare. E se questa non è l'essenza della vostra natura andate oltre. Ci sono altre poesie altre parole altri spazi a vostra misura. Anche qui, oppure in altre pagine.



sabato 24 marzo 2018

L'essenziale è invisibile agli occhi


Non si è materialisti perché si cerca lo spirituale fin dentro i suoi effetti nella materia. Si è materialisti perché si parte da un pregiudizio che esclude qualcosa di cui non siamo certi ma che potrebbe o non potrebbe esistere. Mentre partire dai fatti, dalla materia, da ciò che si vede e che si tocca, da ciò che è vicino e concreto è del tutto sano e giustificabile. 


domenica 11 marzo 2018

Frammenti di colore invisibile

Quando guardo un paesaggio o un oggetto o un viso io vedo qualcosa che mi pare reale. Anche quando cammino e mi muovo nello spazio in base a ciò che vedo. O il viso di una ragazza se mi piace o non mi piace  credo possa dipendere da quello che vedo. Ma quello che vedo che mi pare assolutamente reale so che in realtà dipende da un organo visivo e da un meccanismo e da una interpretazione. Così quando guardo un colore vedo nel giallo il sole e nel blu il cielo, nel bianco la neve e nel nero la notte. Ma in realtà non sono in grado di capire il processo della vista come avviene realmente e ne sono intrappolato. Come se guardassi un film fatto da altri. 


giovedì 22 febbraio 2018

Chi mi ama mi segua

In direzione contraria quando è possibile. E se non è possibile aspettiamo. Altrimenti? Ci arrabbiamo.